"nella mia testa pensavo che con un paio di sedute si sarebbe risolto tutto"

OPINIONI 

"Ho iniziato la psicoterapia dopo un calvario durato due anni girando in lungo e in largo per capire che cosa avevo. Tutto è iniziato dopo una banale influenza dove non riuscivo più a riprendermi… ero senza forze dolori muscolari, giramenti di testa, svenimenti, tachicardie (ancora non ne ero a conoscenza, ma erano attacchi di panico) fischi alle orecchie che mi perseguitavano anche dopo qualche mese.
Ho fatto moltissimi controlli ed esami per capire che cosa mi stava succedendo, ma tutti gli esami e i medici specialisti che incontravo non mi chiarivano la situazione anzi ero sempre più in confusione perché dalle visite non risultava nulla… solo dopo un po' andando per esclusione ho contattato una psichiatra che dopo un brevissimo colloquio mi disse che soffrivo di depressione e quindi mi prescrisse degli antidepressivi e degli ansiolitici. Ovviamente fino ad allora mi ero curato solo con le medicine per ogni malattia/malessere quindi per me era normale e andai avanti per 1 anno; risultato: aumento di peso, ben 16kg, non avevo più attacchi di panico ma mi sentivo ancora male e senza forze… la psichiatra voleva vederci chiaro mi disse che non era normale e mi fece fare altri esami e controlli, ma anche qui nulla, allora mi disse che soffrivo di fibromialgia (malattia cronica) e voleva prescrivermi altri medicinali oltre a quelli che già stavo prendendo (gli avrei dovuti prendere a vita); a questo punto la svolta, stanco e non soddisfatto della terapia psichiatrica perché i medicinali mi davano troppi effetti indesiderati, iniziai ad informarmi e a cercare uno psicologo; volevo cambiare il modo di curarmi, dopo una ricerca ho contattato Valentina Strippoli, quindi abbiamo fissato un appuntamento.
Dopo 3 incontri abbiamo deciso di iniziare la psicoterapia, Valentina mi è sembrata fin da subito una professionista, rassicurante ed empatica.
Non ero mai stato da uno psicologo quindi non sapevo come si sarebbero svolte le sedute; nella mia testa pensavo che con un paio di sedute si sarebbe risolto tutto, che con qualche “parola magica” mi sarei sentito meglio; insomma avevo interpretato la psicoterapia come una vera e propria “pillola” che sarebbe servita a farmi guarire.
La psicoterapia non funziona così, il percorso è lungo e a volte molto “duro”, è difficile accettare il fatto che sei stato cresciuto da dei “modelli” che ti hanno condizionato nei comportamenti portandoti a “non volerti bene”, ma la voglia di stare meglio mi ha dato la forza di continuare; non voglio entrare nello specifico della mia terapia, ma posso solo dire che ho scoperto di ignorare e sopprimere inconsciamente sentimenti ed emozioni per troppo tempo, non ascoltando i mie bisogni, questo mi ha portato a stare male e quindi a cedere fisicamente, il mio fisico mi aveva dato un segnale e mi ha fatto capire che c’era qualcosa che non andava. Il primo passo è stato quello di diminuire e terminare poi gradatamente i farmaci (una mia scelta), poi dopo un anno e mezzo (frequenza settimanale) ho terminato la terapia, ora sto molto meglio. Valentina mi ha dato gli “strumenti” per affrontare al meglio la vita, e lo ha fatto con professionalità dimostrando anche molta umanità; la “medicina” per far funzionare la cura siamo noi stessi.
In futuro non so dire se avrò ancora bisogno di una terapia, ma di sicuro saprò a chi rivolgermi."

Ti piace questo contenuto? Condividilo sui social:

21-1-2020
"La casa delle voci"

#Carrisi non smentisce! Porta il lettore in un mondo patologico senza perdere la lucidità, scorre nei meandri delle voci del passato collegandolo perfettamente ai protagonisti del presente della narrazione.

"conoscevo i miei genitori, ma non sapevo i loro nomi"

Le voci sono dentro di noi, sono le nostre parti costruite nel tempo che  abbiamo vissuto e grazie alle persone che ci hanno parlato.

Da adulti ci parlano ognuna a suo modo e nel complesso formano la persona che siamo.


Il racconto è immersivo, tendiamo a immedesimarsi e a perdere presto il senso del tempo.
Geniale nel finale!

Ti piace questo contenuto? Condividilo sui social:

18-1-2020
"Joker"

"la cosa peggiore di avere un disturbo mentale è che gli altri si aspettano da te che ti comporti come se non ce l'hai"

Ottimo lavoro del regista #Toddphillips
Trovo una eccellente riproposizione del disagio mentale acuto e grave, magistrale interpretazione di #joaquinphoenix

La chicca della scena improvvisata la dice lunga...

Mi sono infatti ritrovata anch'io catapultata nel delirio del protagonista e parteggiavo per lui...

Da professionista del disagio mentale, è assolutamente importante cercare di arginare lo stigma sociale che circonda le persone con patologia....

Sulla falsa riga di #aranciameccanica di #stanleykubrick questo film ci ricorda che spesso abbiamo perso l'umanità, aspettandoci indistintamente comportamenti stereotipati, annullando l'individualita nella maggior parte dei casi, peggiorando delle patologie in altri.

#wearealljoker #thatslife

 

Ti piace questo contenuto? Condividilo sui social:

18-1-2020
"Tutto il mio folle amore"

su questo film, tutte le parole sono superflue.

mi piace citare

"la felicità non è un diritto, ma una botta di culo"...

Ma con quello che ci è capitato bisogna imparare a convivere ...

"Vedendo la felicità anche dove non c'è"

Splendido e commovente film di #gabrielesalvatores

Ti piace questo contenuto? Condividilo sui social:

18-1-2020
Supervisione clinica

NUOVO SERVIZIO DI SUPERVISIONE CASI CLINICI

Questo post è rivolto ai colleghi Psicologi, psicoterapeuti..
Ho deciso di mettere disposizione dei colleghi, soprattutto i meno esperti, le mie competenze acquisite in oltre 10 anni di libera professione.

Propongo incontri di supervisione dei vostri casi clinici, a PREZZI MOLTO AGEVOLATI soprattutto per gli Psicologi abilitati da MENO DI 2 ANNI, che quindi hanno ragionevolmente pochi pazienti.

La tariffa intera non è molto superiore, e sarà destinata a colleghi abilitati da 2 anni in su

VANTAGGI DELLA SUPERVISIONE :
*Vedere le cose da un'altra prospettiva
*Sbloccare qualche terapia in stallo
*Abituarsi al bisogno sano di chiedere e ricevere aiuto così poi da poterlo agevolare nei nostri pazienti
*opportunità di farsi conoscere per eventuali invii successivi

COSA FAREMO?
Non sono necessarie grandi preparazioni del caso, non è un esame sulle vostre competenze acquisite alla scuola di psicoterapia.
Qui nel mio studio si parlerà dei momenti difficili, delle vostre sensazioni di impotenza o incompetenza cercando di collegarle al vissuto che porta il paziente.

Ecco degli esempi che mettono a dura prova i terapeuti:

Le Provocazioni o le seduzioni del narcisista

il depresso arrabbiato

I silenzi degli evitanti e o dissociati o depressi

Il calore dei borderline

L'incastro con gli ossessisivi

La voglia di prendersi in carico il paziente oltre il setting

La voglia di mandarlo via e umiliarlo

il sentirsi attratti dal paziente

Il terapeuta che si distrae pensando a sé, perché accade?

Ecc. Ecc

COME SI SVOLGERANNO GLI INCONTRI:
nel mio studio a Fano, via Stefano Tomani Amiani 1

Il Colloquio sarà il mezzo principale, poi molti role playing,ovvero simulate delle sedute che vi hanno messo in difficoltà...

Le difficoltà sono gli elementi che ci fanno crescere come terapeuti... È solo con loro possiamo scoprire le cose belle a cui non prestavamo attenzione!

Per info e Contatti:

link contatti
 w. App o SMS 333.50.31.409
Valentinastrippoli25@gmail.com
Messanger

 

 

Ti piace questo contenuto? Condividilo sui social:

18-1-2020