"Sono arrivata in studio la prima volta con tanta disperazione,......Credevo di essere sbagliata..."

LEGGI LE OPINIONI DI CHI CI E' PASSATO

 

La psicoterapia per me è un luogo fantastico nel quale ho trovato la possibilità di dare alla luce tante versioni di me stessa, senza i condizionamenti che ci vengono solitamente imposti dal mondo che ci circonda.
Sono arrivata in studio la prima volta con tanta disperazione, tanta paura ma anche con una grande speranza in sottofondo che aveva la voce fioca ma che non smetteva mai di sfiorarmi la mano durante il mio cammino.
Credevo di essere sbagliata, avevo una visione drasticamente negativa di me ed ero eccessivamente giudicante nei mie confronti.
Ero in cerca di risposte, ambivo a una sorta di guarigione, volevo annullare la me stessa inadeguata e diventare l'ideale di me stessa che mi avrebbe reso orgogliosa di quello che sarei diventata.
Queste aspettative mi davano la forza di continuare il mio viaggio, perché la terapia questo è per me: "un viaggio a tappe infinite alla scoperta di noi stessi".
Nonostante tutto però era una continua delusione perché ogni volta le aspettative erano disattese, non c'era mai quel senso di risolto ed ogni volta la tentazione di mollare che mi assaliva perché dopo tanto impegno e tanta sofferenza non sentivo altro che disperazione e impotenza.
Ma ad oggi io posso dire di amare me stessa come mai avrei creduto di fare, non vorrei annullare nessuna delle mie parti buie, non vorrei sentirmi risolta, non vorrei cancellare nessuna mia imperfezione .....vorrei solo sentirmi IO ed è una sensazione impagabile perché mi amo a prescindere, anzi amo maggiormente le mie parti dolorose e misteriose perché mi hanno resa me stessa e mi renderanno una nuova me in futuro.
Io sono molto di più di una definizione, di un giudizio, di un comportamento, di una patologia....: io sono una storia nel bel mezzo di una trama, della quale non sempre ho potuto fare la narratrice perché altri hanno scelto per me provocandomi gioie e grandi sofferenze, ma posso usare la mia storia per vivere un'esistenza piena perché solo quando hai il coraggio di guardarla per intero puoi sentirti unito e spinto dal desiderio di vivere per te stesso.
Credo che ognuno sia straordinariamente unico e complesso in tutto il suo essere, nella sua totalità c'è tutto quello che gli serve (non c'è nulla da escludere), non ci sono parti buone e meno buone....siamo come un puzzle ricco di frammenti che ci sono serviti nelle tappe del nostro percorso...e noi siamo il nostro percorso ....sta poi a noi scegliere giorno per giorno come proseguire il cammino, quali frammenti usare e quali aggiungere per rendere sempre più ricco il nostro puzzle.
Valentina è una professionista competente senza dubbio fortemente orientata ad aiutare il paziente facendolo sentire al sicuro e comprendendo nel profondo la sua sofferenza.
Molto spesso è riuscita a cogliere perfettamente le mie istanze, ma ciò che più mi ha aiutato nel mio percorso è stata l'umanità che ha dimostrato nel mettere a nudo i suoi limiti...quella umanità e e quei limiti che tutti abbiamo e che troppo spesso non prendendoli in considerazione, rischiano di farci sentire responsabili per colpe che non sono nostre, ci consumano e ci imprigionano in circoli viziosi, togliendoci la lucidità di seguire l'unica strada possibile: LA NOSTRA...

Ti piace questo contenuto? Condividilo sui social:

21-1-2020