"nella mia testa pensavo che con un paio di sedute si sarebbe risolto tutto"

OPINIONI 

"Ho iniziato la psicoterapia dopo un calvario durato due anni girando in lungo e in largo per capire che cosa avevo. Tutto è iniziato dopo una banale influenza dove non riuscivo più a riprendermi… ero senza forze dolori muscolari, giramenti di testa, svenimenti, tachicardie (ancora non ne ero a conoscenza, ma erano attacchi di panico) fischi alle orecchie che mi perseguitavano anche dopo qualche mese.
Ho fatto moltissimi controlli ed esami per capire che cosa mi stava succedendo, ma tutti gli esami e i medici specialisti che incontravo non mi chiarivano la situazione anzi ero sempre più in confusione perché dalle visite non risultava nulla… solo dopo un po' andando per esclusione ho contattato una psichiatra che dopo un brevissimo colloquio mi disse che soffrivo di depressione e quindi mi prescrisse degli antidepressivi e degli ansiolitici. Ovviamente fino ad allora mi ero curato solo con le medicine per ogni malattia/malessere quindi per me era normale e andai avanti per 1 anno; risultato: aumento di peso, ben 16kg, non avevo più attacchi di panico ma mi sentivo ancora male e senza forze… la psichiatra voleva vederci chiaro mi disse che non era normale e mi fece fare altri esami e controlli, ma anche qui nulla, allora mi disse che soffrivo di fibromialgia (malattia cronica) e voleva prescrivermi altri medicinali oltre a quelli che già stavo prendendo (gli avrei dovuti prendere a vita); a questo punto la svolta, stanco e non soddisfatto della terapia psichiatrica perché i medicinali mi davano troppi effetti indesiderati, iniziai ad informarmi e a cercare uno psicologo; volevo cambiare il modo di curarmi, dopo una ricerca ho contattato Valentina Strippoli, quindi abbiamo fissato un appuntamento.
Dopo 3 incontri abbiamo deciso di iniziare la psicoterapia, Valentina mi è sembrata fin da subito una professionista, rassicurante ed empatica.
Non ero mai stato da uno psicologo quindi non sapevo come si sarebbero svolte le sedute; nella mia testa pensavo che con un paio di sedute si sarebbe risolto tutto, che con qualche “parola magica” mi sarei sentito meglio; insomma avevo interpretato la psicoterapia come una vera e propria “pillola” che sarebbe servita a farmi guarire.
La psicoterapia non funziona così, il percorso è lungo e a volte molto “duro”, è difficile accettare il fatto che sei stato cresciuto da dei “modelli” che ti hanno condizionato nei comportamenti portandoti a “non volerti bene”, ma la voglia di stare meglio mi ha dato la forza di continuare; non voglio entrare nello specifico della mia terapia, ma posso solo dire che ho scoperto di ignorare e sopprimere inconsciamente sentimenti ed emozioni per troppo tempo, non ascoltando i mie bisogni, questo mi ha portato a stare male e quindi a cedere fisicamente, il mio fisico mi aveva dato un segnale e mi ha fatto capire che c’era qualcosa che non andava. Il primo passo è stato quello di diminuire e terminare poi gradatamente i farmaci (una mia scelta), poi dopo un anno e mezzo (frequenza settimanale) ho terminato la terapia, ora sto molto meglio. Valentina mi ha dato gli “strumenti” per affrontare al meglio la vita, e lo ha fatto con professionalità dimostrando anche molta umanità; la “medicina” per far funzionare la cura siamo noi stessi.
In futuro non so dire se avrò ancora bisogno di una terapia, ma di sicuro saprò a chi rivolgermi."

Ti piace questo contenuto? Condividilo sui social:

21-1-2020