"La casa delle voci"

#Carrisi non smentisce! Porta il lettore in un mondo patologico senza perdere la lucidità, scorre nei meandri delle voci del passato collegandolo perfettamente ai protagonisti del presente della narrazione.

"conoscevo i miei genitori, ma non sapevo i loro nomi"

Le voci sono dentro di noi, sono le nostre parti costruite nel tempo che  abbiamo vissuto e grazie alle persone che ci hanno parlato.

Da adulti ci parlano ognuna a suo modo e nel complesso formano la persona che siamo.


Il racconto è immersivo, tendiamo a immedesimarsi e a perdere presto il senso del tempo.
Geniale nel finale!

Ti piace questo contenuto? Condividilo sui social:

18-1-2020